LOGIN

LOG OUT

MODIFICA ACCOUNT

PER LA DISISCRIZIONE SI PREGA DI INVIARE UNA E-MAIL A info@baxter.it

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD?

5 CONSIGLI (PLUS ONE) PER UN VIAGGIO NEL DESIGN A BRUXELLES

  • ANNO: 2018

Chi lo dice che una città piccola non può essere brulicante di cultura, arte e design? Negli ultimi anni, interventi urbanistici e fiere di settore hanno ridisegnato la mappa geografica e intellettuale di Bruxelles. E il mondo ha avuto la dimostrazione che sì, è possibile misurare la vivacità di una città dal suo slancio verso nuove architetture e arti applicate.

Tempo di “Bruxelles Design 2018”, la fiera dedicata al mondo del design, prevista nella capitale belga dal 13 al 30 settembre. Vernissage, incontri vis-à-vis con i designer e i pionieri dell’arte contemporanea europea, eventi e mostre a 360 gradi è ciò che ci aspetta alle porte di Bruxelles nel mese di settembre 2018. Tra gli highlight della fiera ci sono: il Bruxelles Design Market, il più grande mercatino vintage d’Europa; la galleria Victor Hunt e, tra workshop, lecture, studi aperti e incursioni nel mondo dell’artigianato, va segnalato anche un posto unico al mondo: l’ADAM Design Museum, familiarmente detto “museo della plastica”.

“Collectible” è la pionieristica fiera che raccoglie pezzi unici ed edizioni limitate esclusivamente da collezioni del XI secolo. Ha sede al Vanderborght, edificio parte del centro d’arte nella centrale Rue de l'Ecuyer, e dal 13 al 17 marzo 2019 aprirà la sua seconda edizione. Vanderborght Building è la scenografia perfetta per esporre oggetti di design e mobili: il suo atrio genera un autentico pozzo di luce che illumina i sei piani dell'edifici. La fiera rompe gli schemi dei tradizionali formati fieristici con un'atmosfera e un assetto molto simile a una biennale. L’esperienza è quella di un vero e proprio viaggio in una mostra d’arte, dove tutto però è in vendita.

Un altro motivo più che valido per fare un viaggio a Bruxelles si trova nell’impianto urbanistico della città: l’edificio Europa, l’unico al mondo ad avere la forma di una lanterna, realizzato dall’ingegnere Philippe Samyn. Si trova a pochi passi da Schuman Square ed è, dall'anno scorso, la sede delle istituzioni che rappresentano gli stati membri dell'UE. Il centro dell'edificio è costituito da una struttura a forma di lanterna, adattata alle diverse dimensioni delle sale riunion. Il palazzo è collegato al Residence Palace, un lussuoso condominio Art Deco degli anni '20, e all'edificio Justus Lipsius dall’altro lato.

Ma non dimentichiamo che Bruxelles ha tradizionalmente un grande amore per il concetto di mercatino delle pulci, o mercato dell’usato, soprattutto se i prodotti sono oggetti di design e pezzi di arredamento vintage. L’attrazione più pittoresca da visitare è il mercato di Jeau de Balle (sabato e domenica mattina), che è nato e continua a proliferare nel quartiere storico dei Marolles, la parte della città preferita dei designer. Qui si trovano boutique, negozi dell’usato, café e bistrot e gallerie di artisti emergenti che, nel fine settimana, animano la zona fino al Sablon, un altro quartiere colorito della città sin dal 1950.

Agli appassionati non sfuggirà di certo lo stretto rapporto tra Bruxelles e Art Nouveau. Lontana da tutti quei neo-stili artistici che si susseguivano uno dietro l’altro contaminandosi a vicenda, Bruxelles è stata, a cavallo tra ‘800 e ‘900, la capitale europea dello Stile Liberty, nonché terra natale del visionario Victor Horta – a cui è dedicato il Museo Horta, patrimonio dell’UNESCO dal 2000. L’artista ha poi continuato il suo lavoro a fianco di altri grandi nomi, come Paul Hankar e Henry Van de Velde. Ma gli edifici in stile Art Nouveau presenti sulla mappa di Bruxelles sono tanti, tra i quali molte case d’artista, tra le quali Casa Autrique (1893) e Casa Cauchie (1905).

E se questi 5 motivi non bastassero per convincere gli appassionati di design a comprare un biglietto aereo per Bruxelles, l’eleganza e il lusso del Motel One non lasceranno spazio al dubbio. L’arredamento dell’hotel esclusivo, situato nel cuore della città, in Rue Royale/Koningsstraat, è ispirato al famoso e folcloristico merletto di Bruxelles. Le forme dei tavolini, delle poltrone, divani e decorazioni alle pareti ricordano il motivo iconico della tradizione belga. Gli ambienti sono raffinati, luminosi e accoglienti. L’Outdoor Lounge è una vera riserva naturale e verde che accoglie tavoli e sedie di design per un drink nel più totale relax.

Top