background
16/04/2014
SALONE INTERNAZIONALE DEL MOBILE 2014 | MILANO

FOTO

 

Il filo conduttore di questa edizione 2014 del Salone del Mobile di Milano, frutto della propensione alla ricerca che da sempre costituisce un importante punto di forza del mondo Baxter, è un’attenta analisi degli anni ’50 che hanno regalato la migliore rappresentazione dello stile italiano caratterizzato da un’ondata creativa che unisce l’eleganza delle linee alle esigenze funzionali.

Sfumature di colore come il rosso rubino, il verde salvia e il giallo zafferano degli imbottiti diventano le nuances predominanti, enfatizzate e valorizzate da accostamenti con materiali come l’ottone dei tavolini e delle lampade e la canapa della carta da parati e dei tappeti.

 

Ambienti diversi, intimi e raccolti che esprimono l’eleganza e la raffinatezza di un lusso domestico, assolutamente non sfacciato, ma esaltato dall’utilizzo di pelli nuove che vanno ad ampliare ed arricchire la collezione Baxter. Un’unione sancita da sensibilità, colori, materia e design.

 

Ecco come attraverso una connotazione marcatamente evocativa degli anni ’50, gli ambienti regalano ai loro ospiti una sorta di unione tra passato e presente. Cenni del passato che si fondono in un ambiente contemporaneo e moderno, creando così un’atmosfera eclettica caratterizzata da toni opachi, morbidi ed accoglienti. Una casa, dove i materiali utilizzati e i pezzi che la popolano sembrano provenire da diverse parti del mondo, come solo un collezionista d’arte sa fare esaltando l’autenticità ed il vero valore delle materie prime.

I nuovi progetti sono stati affidati a designer come Paola Navone, Roberto Lazzeroni, Matteo Thun e Antonio Rodriguez, Draga Obradovic e Aurel K. Basedow. Accanto a questi nomi, con i quali Baxter collabora da sempre, nasce la preziosa collaborazione con l’architetto e designer Vincenzo De Cotiis.