background
18/04/2016
BAXTER @ SALONE INTERNAZIONALE DEL MOBILE DI MILANO 2016

FOTO

 

La collezione che Baxter presenta quest’anno per l’edizione 2016 del Salone Internazionale del Mobile è frutto della propensione alla ricerca e alla sperimentazione che da sempre costituisce un importante punto di forza. Linee, materiali e colori si ispirano al design degli anni ’70 senza però dimenticare il percorso che negli ultimi anni ha caratterizzato la ricerca di Baxter. I colori degli imbottiti si rifanno così alla moda di quegli anni, riletti però in una visione più attuale. Bordeaux, ruggine, verde muschio, grigio cemento e blu navy sono le sfumature che caratterizzano sia le pelli morbide che i cuoi lucidi. La vera novità per Baxter è però la presentazione del primo progetto completo di “outdoor”. Sedie, poltrone e complementi vengono realizzati in tubolare di rame abbinato a dei cuoi particolari pensati per essere utilizzati all’esterno. L’outdoor si arricchisce anche di una speciale collezione minimale realizzata in ferro e pelli dai toni naturali come grigio, verde bosco e cognac. Non mancano dettagli realizzati in alluminio mixato a resine e cemento e prodotti in rattan. L’idea è quella di realizzare dei prodotti unici che sentano il passare del tempo, una sorta di vissuto che solo i materiali nobili riescono a regalare. Le più importanti novità nascono sicuramente dalla costante sperimentazione a cui Baxter si dedica nel mondo del cuoio, verso il quale da sempre indirizza la propria passione e il proprio savoir-faire. Le nuove pelli outdoor si dividono così in cuoi idrorepellenti sui quali l’acqua scivola via, e pelli più morbide non rifinite in cui l’acqua penetra tra le fibre senza però danneggiarle. Altra novità importante è il lavoro svolto sull’imbottito e in particolare sul componibile. Ecco come partendo da una ricerca di atmosfere tipiche degli anni ’70 si può sviluppare un progetto contemporaneo in cui le pelli convivono con materiali come pietre e marmi. Pezzi unici provenienti da cave selezionate in tutto il mondo, trattati con finiture speciali che conferiscono alla materia eleganza e ricercatezza senza però mai perdere le loro imperfezioni, simbolo della naturalezza della materia stessa. I nuovi progetti sono stati affidati ai designer che da tempo collaborano con Baxter: Paola Navone, Draga Obradovic e Aurel K. Basedow, Roberto Lazzeroni, Antonino Sciortino, Pietro Russo e Ufficio Stile Baxter.

 

VIDEO